top of page

Co-working: un fenomeno in grande espansione

Aggiornamento: 5 giorni fa

Co-working - Quella del co-working, ovvero l'ufficio condiviso, è una realtà che si sta via via consolidando. Infatti, secondo l'osservatorio di E-work, Agenzia In Italia, entro il 2024, il coworking sarà scelto dal 38% dei lavoratori.

Una soluzione alternativa all'ufficio tradizionale prediletta anche da start up e piccole-medie imprese, dal momento che, oltre alla condivisione degli spazi, si creano tutte le condizioni per una contaminazione virtuosa di idee e progetti che possono arrivare a incidere positivamente su qualsiasi business.

Infine, questo fenomeno ha portato a un incremento delle partite Iva. Secondo i dati diffusi dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, sono circa 549.500 le nuove partite Iva aperte nel corso del 2021, con un aumento del 18,2% rispetto al 2020. Tra queste, il 67,2% è stato aperto da persone fisiche.



co-working

Co-working: quale futuro?


Il 31 di Marzo è ormai vicino e il ritorno alla ‘normalità’ è imminente. Quale sarà l’imminente futuro del co-working? Tornare indietro è impossibile, visti gli enormi vantaggi che l’ufficio condiviso porta con sé.

In alcune regioni del Nord è stato già elaborato un nuovo termine: near working. È un nuovo modo di lavorare, a metà strada tra lavoro agile e in ufficio: nel near working i dipendenti svolgono le proprie attività in co-working situati in varie zone della città, così da ridurre la distanza tra l’abitazione privata e l’ufficio.

Considerando coloro che svolgono il proprio da casa, ci sono delle precisazioni da fare e che non sono così positive. Infatti, secondo quanto emerso dall’Osservatorio Smart Working (2020) – Politecnico di Milano, le maggiori difficoltà per dipendenti e datori di lavoro, in pandemia, sono state connesse al tema del work-life balance.

Per i lavoratori, in particolare, dover lavorare con tecnologia non adeguata alle mansioni da svolgere (per il 29%) ha creato parecchio disagio, così come vi sono stati un progressivo e invalidante senso di isolamento (29%), e sensazione di essere “sempre connesso e operativo”(26%). In ultimo, la difficoltà nella gestione della vita lavorativa e familiare per il 27% degli intervistati.

Ed ecco come hanno avuto successo gli uffici co-working, o spazi condivisi. Secondo un’indagine dell’Università Cattolica di Milano, il 37% degli spazi di co-working ha registrato un consistente aumento dell’afflusso dei dipendenti di aziende private, spinti dall’esigenza di trovare posti adeguati dove lavorare nei pressi delle proprie abitazioni e di separare lo spazio domestico e dal tempo del lavoro, l’idea della “città a 15 minuti” diventa la risposta adeguata al co-working di prossimità.



co-working latina

Co-working: The Spaze Latina


The Spaze Latina incontra proprio le esigenze di lavoratori, liberi professionisti e studenti, in cerca di spazi condivisi per poter portare avanti i loro progetti.

Ma quello che differenzia The Spaze è, oltre all’ubicazione al centro della città, la possibilità di scegliere la soluzione ideale in base alle proprie esigenze e soprattutto far parte di un ecosistema, fondamentale per la crescita personale e per quella di una intera comunità.


Per questo ti invitiamo a contattarci per un visita gratuita.



the space co-working latina

38 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page